L’adattabilità è la chiave, non essere ben adattati

L’adattabilità è la chiave, non essere ben adattati


Be Adaptable

Va bene per essere perfettamente adattati a un dato ambiente? O è meglio, piuttosto, essere in grado di adattarsi ai cambiamenti di tale ambiente o ad uno completamente nuovo? L’adattabilità è la caratteristica più utile in un mondo che cambia rapidamente.

Negli ultimi cinque anni o giù di lì non ho quasi mai alloggiato in alberghi, scegliendo di stare in appartamenti Airbnb invece, da Shanghai, a Buenos Aires, da Bangkok a Istanbul o New Delhi. Trovo esilarante risolvere i piccoli enigmi di dov’è l’appartamento, come entrare in se il padrone non è a casa, e scoprire le varie cose semplici da come collegarsi al wifi, o il punto in cui si trova il bagno. Svegliarmi di notte, e riorientarmi rapidamente per il luogo particolare.

Si tratta di un esercizio mentale che mi permette di controllare se posso cadere in piedi, come un gatto. Tutto questo nei limiti accettabili e con la piena consapevolezza che, anche se non so dove il bagno è, ci sarà comunque un bagno alla fine. Tutti i piccoli enigmi hanno una soluzione, e l’esercizio non è mai una caduta da un’altezza che mi ucciderebbe come farebbe anche con un gatto.

Rispetto al divertimento del costante cambiamento, soggiornare in alberghi è mortificante e genera una chiara ansia.

Un corollario di questa scelta è che si può accettare un certo grado di disadattamento come costo della natura dinamica di adattabilità. L’esperienza perfetta di un processo di check-in e check-out dell’hotel lascia il posto a uno che può avere qualche intoppo. Ma lo accetti perché è un buon prezzo da pagare. E ‘meglio essere sempre un po’ fuori equilibrio con la consapevolezza che è possibile recuperare dallo squilibrio eccessivo, invece di essere molto stabili per tutto il tempo.

Se ci pensate, questo è come la locomozione bipede umana, con le sue posizioni costantemente instabili, che conducono alle varie fasi del nostro camminare. Non possiamo nemmeno stare in piedi senza regolare inconsciamente costantemente la nostra posizione. Siamo letteralmente sempre sulle spine.

Grazie a Alex Lightman per avermi raccontato i pensieri di sua madre mentre lei li ha trasmessi a lui da bambino su questo argomento, e che ha portato a questo post.

This post is also available in: Inglese