Il buon senso e la tecnologia trasformano i problemi in sfide divertenti

Il buon senso e la tecnologia trasformano i problemi in sfide divertenti


IMG_0054

Mia figlia, Giordana, 15, e il suo ragazzo, Emil, 18, volevano andare a Lucca Comics e un paio di errori hanno cambiato la loro viaggio in un’avventura lunga tutto un giorno che ha coinvolto treni, polizia, banche, e una quantità irragionevole di risate.Con l’uso del buon senso, l’empatia e la tecnologia hanno attraversato le sfide del giorno illesi e imparando sicuramente molto su come orientarsi nel mondo degli umani. Ecco il racconto …

Lucca Comics è un evento enorme, con circa 300.000 persone in 4 giorni, che trasforma una incantevole città medievale nella capitale mondiale dei fumetti, cosplay e tutti i tipi di culti, tutto in buono spirito, con i giovani e vecchi fan che arrivano da tutto il mondo.Dal momento che la domenica partivamo con Giordana per un viaggio di una settimana a Seoul, Corea del Sud, e se voleva dormire lì avrebbe dovuto prenotare un anno in anticipo, abbiamo concordato che sarebbe stata solo una gita in giornata.

IMG_0053Dopo una lunga preparazione da parte sua madre Diana di un fantastico costume da Sposa Cadavere, tra cui il cane del cartone stampato in 3D prodettato da suo fratello Cosimo, e un’alzataccia alle 4:30 per truccarsi, Giordana e il suo fidanzato Emil presero il treno alle 6:00 da Bergamo.Passando attraverso Milano e Firenze, un paio di cambi di treni dopo il loro arrivo a Lucca alle 10 lasciava loro sei ore per visitare la città prima di prendere il treno per tornare a 18 ed essere a Bergamo alle 22.

Errore 1: pochi minuti dopo aver preso il treno mi chiama per dirmi che non hanno soldi, perché hanno lasciato il portafogli a casa.Ahi! Non mangiare, non bere per un giorno intero? Scomodo, ma non un pericolo per la vita. Dico loro che possono bere da fontane pubbliche o chiedere acqua del rubinetto in un bar. E dico a Giordana installare Paypal sul telefono, facendole arrivare € 20, e di ricercare persone geek mostrando loro l’invio di soldi su Paypal, e chiedendo loro contanti in cambio …

Ancora piuttosto bene … fino all’Errore 2.

Errore 2: Ho comprato i biglietti del treno per il giorno sbagliato.Stavamo discutendo quale giorno dovevano andare, e la penultima data si era fissata nella mia testa, invece di quella finale che abbiamo scelto. Sono stati fatti scendere dalla Frecciarossa a Bologna.

Ho prenotato un biglietto per il prossimo Frecciarossa che partiva 20 minuti dopo, utilizzando un servizio piuttosto nuovo chiamato Wanderio.L’ho usato in passato con soddisfazione, l’unico servizio che confronta non solo voli, ma anche i treni quando si cerca il miglior collegamento tra due città. Solo che questa volta si è rivelata la scelta sbagliata. Hanno confermato la prenotazione, e ho detto Giordana e Emil di salire sul treno, in attesa dell’email con il codice QR della prenotazione, che non è mai arrivato. Ciò che è arrivato invece era una e-mail laconica da Wanderio che diceva che purtroppo hanno dovuto annullare la prenotazione e rimborsare il biglietto.

Così i ragazzi erano ancora una volta senza biglietto, e questa volta non solo fatti scendere dal treno a Firenze, che è stata la prima fermata, ma consegnati alla polizia per l’identificazione, dato che non avevano documenti, in modo che si potesse spedire la loro multa a casa.

(Nel frattempo ho scritto di nuovo a Wanderio per lamentarmi e loro si sono scusati incolpando i sistemi di Trenitalia.Quando ho detto loro che era una scusa inaccettabile, hanno ammesso il loro errore, e si sono offerti di pagare la multa. Ben fatto, Wanderio, e spero che in futuro smetterete di vendere i biglietti che non siete in grado di fornire.)

Immaginate la polizia con un ragazza di 15 anni in completo trucco e costume da sposa cadavere.Insieme ad un ragazzo rumeno di 18 anni, anche lui senza documenti. (Rumeni sono spesso oggetto di pregiudizi razziali in Italia, accusato di piccoli reati e violenze.) Così mi chiamano e chiedono se devono trattenerla o lasciarla andare. Io dico che va tutto bene, e invio loro una e-mail con i miei e i suoi documenti e confermando che va bene lasciarli andare.

Mentre questo accadeva, ero anche in contatto con la mia banca, Unicredit, per dire loro che volevo che l’agenzia di Firenze desse a mia figlia € 100 in contanti.Senza documenti o che fosse titolare di un conto corrente. Naturalmente hanno detto che ero fuori di testa (non con quelle parole), e poi hanno fatto quello che volevo. Ecco l’altra scena, non è fantastico? Due personaggi cosplay che entrano in una banca, e chiedendo dei soldi, e ottenendoli! Ottimo lavoro, Unicredit.

A quel punto era già l’una.Li ho chiamati con Diana e Cosimo in vivavoce, e non ero in grado di soffocare le mie risate mentre chiedevo loro che cosa stava succedendo! Arrivare a Lucca avrebbe significato spendere forse un’ora in tutto prima di dover prendere il treno per tornare. Ho detto loro che se volevano fare un bel pranzo a Firenze, riscaldarsi e poi tornare a casa, sarebbe stato OK. Così Giordana è andata e si è comprata un paio di scarpe e un vestito per cambiarsi dai suoi tacchi alti e il costume. Logico!

Al ristorante cinese hanno sbagliato il totale del pranzo e gli mancava qualche euro per pagare i poveri proprietari che non conoscevano il resto della storia, ma probabilmente guardandoli hanno capito che era meglio lasciar perdere.

Il biglietto di ritorno non era per la data giusta, ma anche se lo fosse stato, sarebbe stato per una tratta diversa rispetto a quella all’andata.Ho comprato sul web, questa volta sul sito di Trenitalia direttamente, un paio di biglietti sulla Frecciarossa. Era disponbile solo prima classe, con loro che si mescololavano con i passeggeri un po’ snob che tornavano a Milano da incontri a Roma o Firenze, alla fine della giornata. Sono arrivati ​​a dieci di sera a Bergamo, stanchi, e ridendo delle disavventure della giornata.

Ho avvisato i vari amici di Facebook a cui ho chiesto per l’eventuale aiuto locale a Firenze che era tutto OK, alla fine, raccogliendoòi presso la stazione ferroviaria, e dando loro una ciotola di minestra calda.

Per me la morale di questa storia è semplice.Con il senso comune, la tecnologia e un atteggiamento solare verso problemi che sono avventure, piuttosto che nemici tragici, si può davvero affrontare le sfide con sorrisi, risate e amicizia. Anche Giordana e Emil ricorderanno la giornata di avventure in questo modo, per gli anni a venire.

This post is also available in: Inglese